Dolcificanti: assassini silenziosi o aria calda?

Dolcificanti: assassini silenziosi o aria calda?

Condividi su Facebook
Condividi su Google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Prendi la parola "dolcificanti artificiali" in bocca e le persone ti guardano come se stessi lanciando tutti i tipi di malattie mortali. Quando si tratta di dolcificanti artificiali, gran parte della popolazione è d'accordo: la ricerca ha dimostrato che dolcificanti come l'aspartame comportano tutti i tipi di rischi per la salute ed è per questo che è meglio scegliere semplicemente zucchero vecchio stile. Quando poi chiedi alla persona della ricerca in questione, la conversazione si interrompe rapidamente. Una volta l'hanno sentito e per questa ragione è una verità, non è possibile discutere ulteriormente.

Gli edulcoranti sono usati per aromatizzare gli integratori alimentari e per impedire l'aggiunta di calorie extra per garantire la massima purezza. Ad esempio prodotti proteici vengono utilizzati sucralosio e acesulfame-K. Ma i dolcificanti naturali come la stevia vengono sempre più utilizzati nei nostri prodotti. Per prevenire l'incertezza e rassicurarti come utenti sull'assunzione di dolcificanti, ci immergiamo in questo blog sulla ricerca sulla sicurezza dei dolcificanti artificiali!

Origine e specie

Gli edulcoranti sono sostanze destinate a rendere gli alimenti più dolci, proprio come lo zucchero. Le principali differenze tra dolcificanti e zucchero sono il potere calorifico e il potere dolcificante.

I polioli sono una categoria di edulcoranti paragonabili allo zucchero in termini di dolcezza o talvolta leggermente meno dolci. I polioli come l'eritritolo, lo xilitolo e il mannitolo provengono dalla natura o sono prodotti artificialmente. Il vantaggio è che forniscono solo circa la metà delle calorie dallo zucchero. Questo può rendere più facile creare una carenza di energia e continuare a mangiare bene. Questo può eventualmente contribuire alla perdita di peso. Uno svantaggio dei polioli è che possono essere un peso per il tratto gastrointestinale in grandi quantità. Ciò consente loro di causare diarrea e gas. Si consiglia pertanto di testare la tolleranza accumulando lentamente e non riempiendo improvvisamente l'intero programma alimentare con polioli.

I cattivi

D'altra parte, ci sono i dolcificanti intensivi, che hanno principalmente la caratteristica di essere molte volte più dolci dello zucchero. Questa dolcezza varia da 30 a non meno di 37.000 volte più dolce dello zucchero. Molti di questi dolcificanti, proprio come lo zucchero, forniscono ancora una quantità ragionevole di calorie per 100 grammi. La dolcezza senza precedenti ti assicura di utilizzare una quantità così piccola che non devi tenerne conto. Esempi di questi dolcificanti intensivi sono aspartame, sucralosio, acesulfame-K e glicosidi steviolici (stevia).

Gli edulcoranti sono utilizzati in innumerevoli prodotti, dai dolci alla gomma da masticare e alla gola, alle bevande alla frutta, alle torte e ai latticini. Inoltre, molti dolcificanti possono anche essere ottenuti separatamente, anche se questi sono spesso mescolati con, ad esempio, la maltodestrina. Questo evento dà ai prodotti il ​​diritto di nominare il dolcificante sulla confezione, ma ciò non rende immediatamente il prodotto privo di calorie. Quindi presta attenzione a questo!

In particolare l'aspartame ha ricevuto molte critiche in passato. Ad esempio, la ricerca [1] avrebbe scoperto che i ratti avevano un rischio maggiore di sviluppare il cancro dopo la somministrazione di aspartame. Questi dati sono stati tradotti direttamente in applicazioni per l'uomo. Tuttavia, lo studio è stato esaminato criticamente da soggetti esterni. Si è scoperto che i topi erano già malati in anticipo e che lo sviluppo del cancro non era il risultato del consumo di aspartame.

Come probabilmente già capisci, c'è molta confusione attorno ai dolcificanti. Quindi i dolcificanti possono ferire o non c'è motivo di preoccuparsi degli attuali importi raccomandati? Guardiamo cosa dice la ricerca!

Proteine ​​in polvere e dischi di peso

 

Conclusione sugli edulcoranti artificiali: gli studi

Prima di entrare nel nocciolo di questo blog, vale a dire gli effetti sulla salute, ci concentriamo su un altro argomento. Devi aver sentito la gente dire che i dolcificanti sono una sciocchezza. Spesso con la ragione che, come lo zucchero, aumentano i livelli di glucosio e possono miracolosamente causare aumento di peso.

Questa è un'affermazione che deve essere fortemente messa in discussione. Perché come può un alimento che non contiene energia (anche a causa della piccola quantità) causare un aumento di peso? Fortunatamente, Miller e Perez hanno eseguito una meta-analisi [2] che ha esaminato tutte le ricerche rilevanti nel campo degli edulcoranti in relazione al peso corporeo e alla composizione. I risultati sono stati chiari: peso corporeo, BMI, massa grassa e circonferenza vita sono diminuiti nei soggetti che hanno sostituito lo zucchero con dolcificanti artificiali. La conclusione che ne è derivata è stata che la sostituzione dello zucchero con i dolcificanti può contribuire alla perdita di peso e può migliorare significativamente l'obbedienza a una dieta.

Quindi ora passiamo alla salute ...

Nel 2010 è stata pubblicata una revisione sistematica [3] che sintetizzava tutti gli studi incentrati sugli edulcoranti nei bambini. I bambini di solito sono già un gruppo target più vulnerabile, quindi se ci fossero effetti dannosi, è probabile che questi vengano alla luce. Tuttavia, non sono stati trovati chiari rischi metabolici sulla base di 18 studi.

L'unica cosa che è stata trovata è stata che un maggior consumo di bevande analcoliche prive di calorie era associato all'obesità. Per molte persone questo sarebbe un motivo per gridare: “Vedi! Inoltre ingrassi i dolcificanti! " Ma non così in fretta, la correlazione e la causalità non sono le stesse cose. L'unica cosa che dice è che le persone che bevono spesso bevande analcoliche (prive di calorie) hanno generalmente uno stile di vita più sano. Le persone che non lo bevono generalmente hanno uno stile di vita più sano e una dieta nel suo insieme. Questo non significa che i dolcificanti ti facciano ingrassare, questo è ancora dovuto ad un elevato apporto di energia!

Fine della storia?

Un altro studio [4] ha studiato specificamente gli effetti cancerogeni (cancerogeni) degli edulcoranti. La conclusione è stata semplice: sulla base della letteratura attuale, il rischio potenziale di dolcificanti artificiali di aumentare il rischio di cancro è trascurabile. È stato menzionato che molti nuovi dolcificanti sono in fase di sviluppo, i cui effetti sono ancora sconosciuti. Ma, come per tutto il resto, deve essere costantemente controllato per individuare le mele marce.

Nel 2016 è stato pubblicato un nuovo studio [5] che ha esaminato gli effetti avversi dei dolcificanti. Gli unici effetti negativi sono stati trovati nelle donne in gravidanza che hanno consumato una quantità elevata di dolcificanti. Gli effetti osservati sono stati una maggiore possibilità di un parto prematuro e una maggiore possibilità che il bambino sviluppi l'asma all'età di 7 anni.

Oltre a questi due punti c'era geen trovato un effetto di dolcificanti artificiali su vari tumori, diabete di tipo 2 e infertilità.

Ricorda questo!

Ad oggi, non è stata trovata alcuna prova nelle persone che un normale consumo di edulcoranti abbia un effetto negativo sullo sviluppo di cancro, diabete o disturbi metabolici. Anche gli importi giornalieri raccomandati sono molto generosi. Ad esempio, dovresti bere più di 36 litri di bibite leggere per vedere un effetto sulla salute dell'aspartame. Solo le donne in gravidanza possono avere un aumentato rischio di effetti dolcificanti, ma questo è solo con quantità elevate.

In conclusione, possiamo quindi affermare che i dolcificanti artificiali possono essere consumati senza problemi e che aggiungerli agli integratori alimentari non è assolutamente un problema. Quindi pensa a questo blog la prossima volta, se qualcuno prova a dirti di nuovo che sei un pericolo per la vita Frullato delizioso di siero di latte funziona dentro!

riferimenti

[1] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17805418

[2] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4135487/

[3] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2951976/

[4] http://annonc.oxfordjournals.org/content/15/10/1460.short

[5] http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0104-42302016000200120

Scritto da Mathias Jansen

 

 

 

 

Interessante anche!

Raggiungi obiettivi insieme!

Registrati e sii il primo a ricevere nuove promozioni di sconto e informazioni sui nuovi prodotti!